Dal 3D alle mappe off line: tutte le novità di Google Maps


Google ha annunciato che sta per lanciare le mappe offline per le piattaforme mobili, ha mostrato una nuova fotocamera Street View che si indossa ed ha migliorato il 3D delle mappe grazie a dati aerei. E’ un aggiornamento importante, che risponde alla possibilità che Google perda uno dei suoi maggiori partner.
Gli utenti possono vedere una mappa in anticipo e selezionarne una sezione perché sia “disponibile off line”. Google Maps a quel punto indicherà quanto pesa in termini di dati e la mappa si scaricherà sul dispositivo. Per i dispositivi dotati di bussola, la mappa si orienterà automaticamente anche senza che sia attiva la connessione 3G o wi-fi. L’azienda non ha fornito una data certa ma ha fatto sapere che “arriverà presto su Android”.

Luc Vincet, uno dei responsabili del progetto StreetView, ha descritto come l’azienda ha, nel tempo, ampliato l’esperienza introducendo tricicli, slitte da neve e perfino carrelli e permettendoci di vedere tutto, dalle strade agli interni dei musei. La novità è una fotocamera che si chiama Trekker e che si monta su una persona, come uno zaino, collegata ad un telefono Android, per girare video di posti particolari come il Grand Canyon o i castelli.

Google sta anche migliorando il suo 3D, grazie da una tecnologia di volo. La fotocamera viene montata sul fondo di un aereo e scatta immagini a 45 gradi. Le immagini vengono poi ricostruite in un processo chiamato stereofotogrammetria che permette di visualizzare scene realistiche.
Google ha mostrato una demo di questa versione 3D su un iPad (?) che rappresentava una visione di San Francisco. Disponibile presto per iOS e Android.

Immagine anteprima YouTube

Poi McClendon ha fatto un breve excursus della storia delle mappe di Google ed ha descritto quali siano i principi base: completezza, precisione e usabilità. Ha sottolineato che oggi il 75 per cento degli abitanti del mondo può vedere casa propria in alta definizione, che Google ha mappato 187 paesi e 26 milioni di strade con le direzioni di marcia. E naturalmente, che ha anche le mappe degli interni per aiutare le persone a muoversi nelle stazioni delle metropolitane, musei etc. E questo focus sulla completezza sembrava un chiaro messaggio ad Apple e alle sue annunciate mappe.

[Fonte: Gizmodo USA]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

(*)

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Una risposta a Dal 3D alle mappe off line: tutte le novità di Google Maps

  1. giovanni grigolo 08 giu 2012, 16:22

    bello e interessante ma io che sono architetto e anche topografo come potrei fare a lavorare x goole sul mio territorio????