i’m watch, dove sei finito?

imwatch_home

Ormai i più si sono disillusi. Chiamare il centralino di i’m watch qui in Italia è un’impresa titanica: impossibile prendere la linea, impossibile riuscire a parlare con qualcuno, soprattutto impossibile avere notizie dei propri orologi ordinati e regolarmente pagati sul sito.
C’è chi in rete parla di truffa, c’è chi ancora attende l’arrivo del proprio orologio ordinato anche più di sei mesi fa, c’è chi manda email e solleciti nonostante a molti utenti sia stata recapitata una lettera di scuse nei mesi scorsi con un messaggio molto chiaro:

“We apologize for the delay in the order shipment  compared to the previously announced date.
We confirm you, however, that your order will be dispatched shortly.
For assistance and information please visit our support page”.

Best  regard
i’m watch staff

La vita di questo prodotto da 249  euro in preordine è oramai una scommessa per molti, ma è sorprendente che l’azienda non riesca a indicare una data di consegna effettiva, soprattutto perché non viene fornita nessuna  giustificazione che possa tranquillizzare gli acquirenti.
L’home page del sito non cita nulla, come se niente fosse, ma continua ad ospitare il video del lancio in cui il presidente Manuel Zanella e l’amministratore delegato  Massimiliano Bertolini spiegano l’idea rivoluzionaria di questo orologio Android “il primo smartwatch, con il quale connettersi al web, un concentrato di design e tecnologie italiane”. Nessuna scritta a margine, nessuna semplice nota a pie’ di pagina o un vecchio post-it su cosa stia realmente succedendo.
Basterebbero una frase, un video, un messaggio tranquillizzante.  Quanti sono gli acquirenti che stanno perdendo la pazienza timorosi di perdere i loro 249 euro?
“Volevamo lavorare a un progetto con un grande impatto sociale e mediatico”
recita nel video Bertolini. “Lavorare al futuro… Il futuro che aspettavamo adesso c’è. Sull’impatto mediatico forse i due soci dell’azienda ci hanno visto giusto, sul futuro che adesso c’è non sembrerebbe proprio.

PS: Stiamo cercando di contattare i responsabili di i’m watch per capire come si sbloccherà la situazione. Sarà nostra premura informarvi appena avremo risposte.

UPDATE: Un nostro lettore ci segnala la comunicazione ufficiale, inviata a chi ha acquistato i’m watch. La riportiamo, in attesa di ulteriore risposta dalla società.

Gentile Cliente,
ti ringraziamo per la pazienza che hai avuto fino ad oggi in relazione alla consegna di i’m Watch. Siamo consapevoli che hai incontrato dei disagi e, soprattutto, non hai potuto utilizzare un prodotto che suscita un sempre maggiore interesse in tutto il mondo.
Purtroppo abbiamo verificato una volta di più la validità di quel detto: ”Il meglio è nemico del bene!”

Che cosa intendiamo?
Vogliamo dirti oggi con grande trasparenza e umiltà che non solo abbiamo incontrato tutte le difficoltà di un progetto estremamente innovativo ed ambizioso (e gli imprevisti che hanno superato ogni ragionevole ipotesi), ma in particolare che abbiamo ceduto alla tentazione di fare delle modifiche per ampliare e migliorare l’adattabilità di i’m Watch allo sviluppo futuro della tecnologia (ad esempio rendendolo adeguato a gestire un numero maggiore di apps rispetto a quello inizialmente previsto). Tutti questi fattori ci hanno fatto perdere del tempo prezioso e, soprattutto, ci hanno impedito di fornirti delle date certe per la consegna.
Siamo però adesso in grado di definirle come segue, tenendo conto che intendiamo condurre un ultimo serio programma di testing con i nostri clienti:

1) Entro il prossimo 15 giugno forniremo i’m Watch ad un gruppo di 300 clienti, i quali collaboreranno con noi per una verifica finale e definitiva, che si completerà entro il 15 luglio. Chiederemo loro di dare periodicamente un feedback sulla loro esperienza, che sarà riportato in un blog pubblico sul sito http://www.imwatch.it per cui anche tu potrai seguirne l’evoluzione.

2) A partire dal 15 luglio inizieremo a spedire il prodotto a tutti coloro che hanno un ordine inevaso e ci aspettiamo di completare la consegna di tutti gli ordini in corso entro e non oltre il 15 settembre.

Poiché siamo consapevoli che potresti nel frattempo aver perso l’interesse all’acquisto abbiamo deciso di offrirti le seguenti possibilità:

• Rinunciare all’acquisto e richiedere l’immediato rimborso della cifra spesa, inviando entro il 15 luglio una e-mail al seguente indirizzo, se sei residente in Italia: assistenza.italia@imwatch.it; o al seguente: assistance.world@imwatch.it se sei residente all’estero.
• Se invece sei disposto ad attendere fino alla data prevista per la consegna, riceverai all’atto della consegna uno sconto del 15% sul prezzo pagato.

Ti ringraziamo per la collaborazione, molto fiduciosi che i’m Watch risponderà pienamente alle tue aspettative.

Un cordiale saluto.
Manuel Zanella e Massimiliano Bertolini

Presidente e Amministratore Delegato i’m Spa
Copyright © 2012 i’m SpA, All rights reserved.

Tags :
  1. Dai commenti all’articolo noto che siete che come al solito è pieno di professori in grado di sparare sentenze dietro ad una tastiera. Siete voi la vergogna italiana.

  2. Per me si tratta di una truffa fin ben troppo chiara questi due scienziati non hanno nemmeno un stabilimento dove costruirlo a pensare che fanno il modello da 15.000 € questi sono due buoni a nulla, hanno il potere dei media. Un bravo a voi una vergogna Italiana.

  3. I tipi “ideatori” sono della mia città, ovviamente furono dedicati articoli di giornale, ma io mi ricordavo di quei personaggi per un altro progetto: il winezero, vino senza alcol.
    Veniva promosso come il primo vino analcolico made in italy, ma a suo tempo avevo letto che la giovane coppia aveva messo solo il “marchio” ed era prodotto da una casa enologica spagnola.
    Quell’esperienza, neanche a dirlo, andò male… Anche se ho visto che il sito ancora c’è.
    E poi saltarono fuori con il watch! D’altra parte sono campi attigui…
    Rimasi stupito di quante attenzioni ebbero di nuovo, che credibilità potevano avere?
    La MIA IMPRESSIONE era che la coppia fosse ben ammanicata con gente di marketing e media ma anche con una certa area politica, ora in declino, in grado di garantire copertura mediatica. Mancava però la sostanza.
    Credo avessi ragione… Ma speriamo, per chi ha sborsato i soldi, che qualcosa arrivi, in super ritardo, quasi fuori tempo massimo…

  4. Esiste una comunicazione ufficiale del ritardo…Mandata a tutti i clienti e presente su Facebook

    Gentile Cliente,
    ti ringraziamo per la pazienza che hai avuto fino ad oggi in relazione alla consegna di i’m Watch. Siamo consapevoli che hai incontrato dei disagi e, soprattutto, non hai potuto utilizzare un prodotto che suscita un sempre maggiore interesse in tutto il mondo.

    Purtroppo abbiamo verificato una volta di più la validità di quel detto: ”Il meglio è nemico del bene!”
    Che cosa intendiamo?

    Vogliamo dirti oggi con grande trasparenza e umiltà che non solo abbiamo incontrato tutte le difficoltà di un progetto estremamente innovativo ed ambizioso (e gli imprevisti che hanno superato ogni ragionevole ipotesi), ma in particolare che abbiamo ceduto alla tentazione di fare delle modifiche per ampliare e migliorare l’adattabilità di i’m Watch allo sviluppo futuro della tecnologia (ad esempio rendendolo adeguato a gestire un numero maggiore di apps rispetto a quello inizialmente previsto). Tutti questi fattori ci hanno fatto perdere del tempo prezioso e, soprattutto, ci hanno impedito di fornirti delle date certe per la consegna.

    Siamo però adesso in grado di definirle come segue, tenendo conto che intendiamo condurre un ultimo serio programma di testing con i nostri clienti:

    1) Entro il prossimo 15 giugno forniremo i’m Watch ad un gruppo di 300 clienti, i quali collaboreranno con noi per una verifica finale e definitiva, che si completerà entro il 15 luglio. Chiederemo loro di dare periodicamente un feedback sulla loro esperienza, che sarà riportato in un blog pubblico sul sito http://www.imwatch.it per cui anche tu potrai seguirne l’evoluzione.

    2) A partire dal 15 luglio inizieremo a spedire il prodotto a tutti coloro che hanno un ordine inevaso e ci aspettiamo di completare la consegna di tutti gli ordini in corso entro e non oltre il 15 settembre.

    Poiché siamo consapevoli che potresti nel frattempo aver perso l’interesse all’acquisto abbiamo deciso di offrirti le seguenti possibilità:

    • Rinunciare all’acquisto e richiedere l’immediato rimborso della cifra spesa, inviando entro il 15 luglio una e-mail al seguente indirizzo, se sei residente in Italia: assistenza.italia@imwatch.it; o al seguente: assistance.world@imwatch.it se sei residente all’estero.
    • Se invece sei disposto ad attendere fino alla data prevista per la consegna, riceverai all’atto della consegna uno sconto del 15% sul prezzo pagato.

    Ti ringraziamo per la collaborazione, molto fiduciosi che i’m Watch risponderà pienamente alle tue aspettative.
    Un cordiale saluto.

    Manuel Zanella e Massimiliano Bertolini
    Presidente e Amministratore Delegato i’m Spa
    Copyright © 2012 i’m SpA, All rights reserved.
     

  5. Un anno di ritardo in questo mercato è un’era geologica….
    Aspettano ancora un po’ ed esce anche il Pebble… insomma a questo punto forse dovrebbero rimborsare

  6. Preso lo Smartwatch Sony, funziona divinamente sia con il Note che con l’S2. Una ulteriore conferma di aver preso la decisione giusta :)

  7. Dopo anni pensavo che la gente avesse imparato a diffidare da certi “senzazionalismi”… (vedi presentazione Samsung Galaxy S III). Evidentemente mi sbagliavo…

    1. cosa vuoi, o la gente è ingenua…oppure si crede più furba degli altri!!

      anche qui il troppo (in un lato o nell’altro) storpia!
      a casa mia si dice: scanta baucchi :D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Pubblicità