Google+ non è ancora pubblico ed è già “questione privacy”


Non è ancora in mano alle masse ed è già “questione privacy” su Google+. Niente di paragonabile a quello che successe con Buzz, ma Google+ sembra essere in grado di condividere senza regole le vostre informazioni con chuinque. E non è una buona notizia.
Avete presente Circles? Il sistema che permette di raggruppare i contatti a seconda dei vostri gusti o delle cose che volete condividere con ciascuno? Qualunque cosa vogliate condividere dal vostro profilo, deve passare da uno o più di questi cerchi di contatti. In questo modo, chi non rientra nel cerchio prescelto non dovrebbe potere accedere ai vostri contenuti, giusto? No.
Il giornalista del Financial Times Tim Bradshaw spiega come la funzione di “resharing” di Google+ neghi la privacy:

“Diciamo che un mio caro amico posti una fotografia dei suoi figli nel suo cerchio degli “amici”. Con l’opzione “condividi” presente su ogni post di Google+, possiamo ri-condividre conaltri cerchi di contatti ai quali il mio amico non appartiene. Questo vale per qualsiasi tipo di post, non solo per le foto.
Se il mio amico fosse consapevole di questo rischio, potrebbe aver disabilitato il resharing usando il menu a tendina che si trova sulla destra di ogni post, ma non sembra che questa opzione sia attivabile prima di aver condiviso il post. Google+, in oltre, per adesso non consente di disattivare il resharing di tutti i post dalle impostazioni”.

Dai, Google, non è una cosa difficile da risolvere, né una pretesa assurda da parte degli utenti. Ce la puoi fare, dato che Google+ è ancora in versione Beta, no? (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

(*)

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

7 risposte a Google+ non è ancora pubblico ed è già “questione privacy”

  1. 99octane 13 lug 2011, 17:52

    I diciassettenni di oggi avranno molti anni davanti a loro per pentirsi di aver aderito a Google+…

  2. alessandro 02 lug 2011, 15:32

    ma il reshare non c’è anche su facebook?

  3. gigilux 01 lug 2011, 19:54

    magari! ma i bimbi sicuramente metteranno età falsa pur di entrare facendolo diventare un facebook 2 il ritorno

  4. stefano 01 lug 2011, 12:50

    A me hanno invitato :D
    Ma indovinate?!
    HO 17 ANNI E MI DICE CHE GOOGLE+ HA UN LIMITE DI ETÀ!
    Dite che dovrò aspettare i 18? :(

    • Zio 07 lug 2011, 11:47

      Ma lascia stare, sono nella tua stessa situazione e non si che fare…mi rode parecchio